Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica

L’ingegneria elettrica qui è di casa: Galileo Ferraris fondò a Torino nel 1889 la Scuola di Elettrotecnica, prima in Italia, e il suo nome figura tra le principali figure dell’epoca come Nikola Tesla e George Westinghouse.

Il percorso formativo in Ingegneria Elettrica del Politecnico di Torino è attualmente al secondo posto in Italia e al quarantacinquesimo nel mondo nella graduatoria redatta dal QS World University Rankings.

Se vuoi diventare Ingegnere/a elettrico/a, sei nel posto giusto: il gradimento da parte dei laureati è altissimo, il 99% si iscriverebbe di nuovo qui.

Sarai in prima linea nelle sfide più importanti che la nostra società si trova a fronteggiare nella necessaria transizione energetica. La sostenibilità energetica e ambientale passerà attraverso un uso sempre maggiore delle fonti rinnovabili, una maggiore efficienza ed elettrificazione dei processi industriali e una conversione della mobilità e dei trasporti verso quella elettrica.

Questi sono i temi e le sfide di oggi e di domani per puntare a un mondo sempre più indipendente dalle fonti fossili e sempre più green, che vedrà gli ingegneri elettrici attori protagonisti.

Cosa imparerai

Il percorso formativo punta a creare una figura professionale in grado di comprendere l'impatto delle soluzioni ingegneristiche applicate all'area elettrica nel contesto attuale, fornendo gli strumenti cognitivi necessari per l'aggiornamento continuo delle proprie conoscenze, in modo da partecipare attivamente al processo di innovazione tecnologica. È organizzato in tre orientamenti i quali hanno tutti un primo anno comune, anno nel quale si approfondiscono quelle materie caratterizzanti comuni.

Due orientamenti sono in lingua italiana:

Il terzo orientamento è in lingua inglese:

In tutti gli orientamenti lo studente potrà, attraverso le scelte libere, ampliare le proprie conoscenze e competenze inserendo insegnamenti caratteristici degli altri orientamenti, ma anche rivolgersi ad una offerta formativa più ampia nel settore energetico inserendo insegnamenti sul tema delle fonti rinnovabili: fotovoltaico, eolico e idroelettrico o insegnamenti in ambito di progettazione termotecnica ed energetico-ambientale di edifici.

Un ultimo importante messaggio riguarda la possibilità di iscriversi alla LM in Ing. elettrica provenendo da quasi tutte le lauree triennali del Politecnico di Torino, sia del settore industriale che dell’informazione, senza dover sostenere più dei 120 crediti necessari per il conseguimento della laurea.

Come lo imparerai

Oltre alle scelte libere, lo studente può, durante il suo corso di studi, affrontare un percorso di tirocinio presso aziende o enti esterni ma anche presso i laboratori interni al Politecnico, che vi ho presentato in precedenza, o partecipare a progetti di didattica innovativa come i Team studenteschi e le Challenge.

Gli strumenti didattici per fornire tali conoscenze comprendono lezioni frontali, esercitazioni in aula (individuali o in piccoli gruppi), attività di laboratorio sperimentale (sia presso il Laboratorio didattico “Riccardo Tommasini” sia presso il laboratorio di Enertronica), consultazione di testi, impiego di software dedicato e supporti multimediali, visite tecniche e attività autonome dello studente.

Nello sviluppo della tesi di laurea della LM i laureandi hanno la possibilità di lavorare a stretto contatto con i docenti, i ricercatori ed i dottorandi del Dipartimento di Energia su progetti ispirati dal mondo industriale.

Cosa potrai fare dopo

Tra i principali settori che vedono l’Ingegnere/a Elettrico/a protagonista vi sono:

Potrai accedere alla libera professione di Ingegnere/a elettrico/a, previo il superamento dell’Esame di Stato e l’iscrizione all’Ordine degli Ingegneri, sezione A svolgendo attività professionale all'interno di società, aziende, enti privati ed amministrazioni pubbliche o per proprio conto.

In tutti i possibili percorsi professionali, sappi che: la quasi totalità degli ingegneri elettrici trova lavoro nel settore ad appena un anno dalla laurea e i livelli stipendiali degli ingegneri elettrici sono i più alti.

La figura dell’ingegnere elettrico è quindi molto ricercata nel mondo del lavoro come riportato anche dalle statistiche.

L’elevata vocazione al trasferimento tecnologico del Corso di Studi e la grande richiesta da parte delle Aziende di Ingegneri Elettrici fa sì che molti studenti vengano già contattati prima del compimento del percorso accademico.

Tutti i dettagli

Il corso di laurea dura 2 anni, classe di Laurea LM-28, si svolge presso la sede centrale del Politecnico di Torino, ha come Coordinatore il professor Aldo Canova (coord.elettrica@polito.it) al quale potete rivolgervi direttamente per avere maggiori delucidazioni o volete approfondire qualunque aspetto formativo del Corso di Studi.